logo
iso_9001_col

Screen

Layout

Cpanel

Normativa Codice della strada

Richiesta parere circa le dimensioni del segnale mobile di presegnalazione postazione autovelox.

  • PDF

Con una recente nota il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha confermato che le dimensioni del segnale dipendono dal numero di righe e dal numero e altezza dei caratteri, secondo le indicazioni delle Tabelle 11.16, 11.17 e 11.18 dell’Allegato al Titolo I del Regolamento (DPR n. 495/1992).
Si riporta di seguito il testo della nota:
"Con riferimento alla richiesta di parere formulata con la nota in riscontro, si rinvia a quanto disposto dall’art. 2, cc. 1, 2 e 5, del DM 15,08.2007 circa le caratteristiche e la composizione dei segnali stradali di indicazione, temporanei o permanenti, da impiegare per la presegnalazione.
In particolare si rammenta che le dimensioni del segnale dipendono dal numero di righe e dal numero e altezza dei caratteri, secondo le indicazioni delle Tabelle 11.16, 11.17 e 11.18 dell’Allegato al Titolo I del Regolamento (DPR n. 495/1992). Si resta a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento."

La presenza di accessi a proprietà laterali anche se questa può dare luogo ad una area di intersezione, non ricorre l’obbligo di rispettare la distanza di 1 km tra esso e il dispositivo misuratore della velocità

  • PDF

Con una recente nota il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha confermato che nel  caso di strada chiusa, questa deve essere trattata alla stregua di accesso a proprietà laterali, e pertanto anche se questa può dare luogo ad una area di intersezione, non ricorre l’obbligo di rispettare la distanza di 1 km tra esso e il dispositivo misuratore della velocità, né quello di ripetere dopo di esso il segnale di limite di velocità. Si riporta di seguito il testo della nota ministeriale:
"Con riferimento alla richiesta di chiarimento formulata con la nota in riscontro, si osserva che su strade extraurbane le intersezioni devono essere segnalate ai sensi dell’art. 109, ovvero 112, del Regolamento (DPR n. 495/1992).
Nessun obbligo di segnalazione è invece previsto per gli accessi e le diramazioni di cui all’art. 22 del Codice (DLgs n. 285/1992), eccetto il caso del passo carrabile.
Per tali fattispecie si applica infatti il disposto di cui all’art. 145, c. 6 e c. 8, dcl Codice.
Nel caso in esame, peraltro, l’ente proprietario della strada è il solo in grado di valutare se la sistemazione debba essere trattata come intersezione, provvedendo in conseguenza ad apporre la prescritta segnaletica, di cui all’art. 109 ovvero 112, del Regolamento.
In difetto di tale segnaletica, ancorchè definita strada chiusa, la sistemazione deve essere trattata alla stregua di accesso a proprietà laterali, e pertanto non ricorre l’obbligo di rispettare la distanza di 1 km tra esso e il dispositivo misuratore della velocità, né quello di ripetere dopo di esso il segnale di lìmite di velocità.
Si resta a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento"

Gli autovelox necessitano di una taratura periodica? In allegato l'ordinanza della Cassazione

  • PDF

Con una decisione abbastanza sorprendente rispetto ai più recenti orientamenti giurisprudenziali su casi analoghi, la Suprema Corte mette ora in dubbio la legittimità degli autovelox e, conseguentemente, la validità di migliaia di verbali di accertamento notificati agli automobilisti incorsi in eccesso di velocità.
Si tratta dell'ordinanza numero 17766/2014 qui sotto allegata, con cui gli Ermellini della Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione hanno investito la Consulta di pronunciarsi sulla legittimità degli autovelox per il rilevamento automatico della velocità di guida.
Il caso che ha fatto sollevare la questione di legittimità costituzionale vedeva coinvolti alcuni automobilisti i quali nel contestare la sanzione amministrativa avevano evidenziato che tale apparecchio non sarebbe preceduto da adeguata segnaletica e soprattutto non è mai stato sottoposto ad alcun aggiornamento periodico della taratura.
Ed è proprio sulla base di quest'ultimo punto che i giudici di terzo grado hanno deciso di sospendere il giudizio proponendo questione di legittimità costituzionale, per presunta violazione dell'art. 3 della Costituzione nella parte in cui la norma sulle apparecchiature rilevatrici della velocità non impone periodiche verifiche delle stesse.
Si attende l’esito della decisione della Corte Costituzionale.
Cassazione: Testo ordinanza 17766/2914

  Ordinanza 17766 2014

 

 

Cassazione: una colica renale non giustifica il superamento dei limiti di velocità per andare in ospedale

  • PDF

E' valida la multa per eccesso di velocità anche se l'automobilista si stava recando in ospedale per una colica renale.
È quanto emerge da una sentenza della Corte di Cassazione  (la n.20121/2014) che ha confermato una sentenza d'appello che aveva respinto il ricorso dell'automobilista intenzionato a farsi riconoscere l'esimente dello stato di necessità.
Il caso finiva in Cassazione dove l'automobilista lamentava che nei giudizi di merito non si era tenuto conto della documentazione medica ospedaliera che dimostrava il suo stato di malattia.
Tale condizione a detta del ricorrente avrebbe potuto integrare l'ipotesi dell'esimente di cui all'articolo 4 della legge 689 del 1981.
Una tesi che non ha convinto i giudici di piazza Cavour secondo cui invece i giudici dell'appello hanno correttamente rilevato che il ricorrente "andava ad una velocità di 141 km/h in un tratto di strada in cui vigeva il limite dei 70 km/h ed in prossimità di una stazione ferroviaria".
.Sotto questo profilo va detto che lo stato di malattia del ricorrente non rappresentava un pericolo così grave e tale da giustificare un così marcato superamento del limite di velocità in una zona frequentata da pedoni e da bambini.
In conclusione, rimarca la Corte, nel caso di specie il ricorrente non ha fornito una prova convincente su quella che è la "assoluta necessità di recarsi in ospedale per salvare sé o altri dal pericolo attuale ed immediato di un danno alla persona".

 

Cassazione: non è valida la multa presa con l'autovelox se la presenza dell'apparecchiatura è comunicata solo attraverso gli organi di stampa locale.

  • PDF

In materia di accertamento di violazioni delle norme sui limiti di velocità, compiuta a mezzo di apparecchiature di controllo, l'art. 4, comma 1 del DL n. 121 del 2002, convertito in legge n. 168 del 2002, dispone che della installazione dei dispositivi o mezzi tecnici di controllo deve essere data preventiva informazione agli automobilisti. Tale norma, secondo costante giurisprudenza, è finalizzata ad informare gli automobilisti della presenza di dispositivi di controllo, al fine di orientarne la condotta di guida e preavvertirli del possibile accertamento di infrazioni, con la conseguenza che la violazione di tale previsione cagiona la nullità della sanzione eventualmente irrogata. La Corte di Cassazione, sulla base di tali premesse, con ordinanza n. 21199 del 28 novembre 2012, ha affermato che nel caso di specie, il Tribunale ha dato atto della mancanza di segnaletica indicante la presenza dell'apparecchiatura elettronica di rilevamento di velocità sul tratto di strada in cui è stata riscontrata l'infrazione. Tuttavia il Tribunale, "nell'attribuire credito all'assunto della Prefettura, secondo cui la presenza dell'apparecchiatura sarebbe stata comunicata attraverso gli organi di stampa locale, ha ritenuto valida tale forma di comunicazione richiamando la Circolare del 3 ottobre 2002 del Ministero dell'Interno, Dipartimento della pubblica sicurezza, che al punto 7 (informazioni all'utenza) stabilisce che l'avviso dell'utilizzazione dei dispositivi può essere dato con qualsiasi strumento di comunicazione disponibile, e cioè attraverso pannelli a messaggio variabile, comunicati scritti o volantini consegnati all'utenza, annunci radiofonici o attraverso i media, come è avvenuto nel caso in esame". Il giudizio espresso dal Tribunale - affermano i giudici di legittimità - ha avuto illegittimamente come parametro di riferimento non la norma di legge che disciplina la materia bensì una circolare ministeriale e, cioè, un atto che non costituisce fonte di diritto.

 

Contattaci

Sodi Scientifica S.p.A.
Via Poliziano, 20
50041 Calenzano (FI)
ITALY

 

  • Tel. +39 055 886861
  • Fax +39 055 8873140
  • E-mail generale: info@sodi.com

Dati fiscali

  • C.F. / P.IVA / Registro imprese : 01573730486
  • R.E.A. Firenze n. 282804
  • Cap. Soc. versato € 1.400.000

Avviso Legale

Il contenuto di questo sito web - informazioni, materiali, dati, immagini, ecc. compresi - é di esclusiva proprietà di Sodi Scientifica S.p.A.
Leggi tutto...