La taratura degli Autovelox

 

Il 31 luglio 2017 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 177) il Decreto n° 282 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 13 giugno 2017 denominato “Verifiche iniziali e periodiche di funzionalità e di taratura delle apparecchiature impiegate nell’accertamento delle violazioni dei limiti massimi di velocità, modalità di segnalazione delle postazioni di controllo sulla rete stradale.”

Con tale decreto, il MIT, attesa la necessità di uniformare i comportamenti dei costruttori dei dispositivi ed apparecchiature di che trattasi, e degli organi di polizia stradale interessati all’uso dei medesimi, ha ritenuto di dare attuazione alla sentenza n. 113 del 18 giugno 2015 con la quale la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale “dell’art. 45, comma 6, del D.Lgs. 30 aprile 1992 n. 285 (Nuovo codice della strada), nella parte in cui non prevede che tutte le apparecchiature impiegate nell’accertamento delle violazioni dei limiti di velocità siano sottoposte a verifiche periodiche di funzionalità e di taratura”.

Si tratta di una novazione significativa, e come tale presenta vari punti positivi e criticità interpretative, tanto è vero che le aziende del settore e i laboratori di taratura Accredia hanno svolto un intenso lavoro di aggiornamento delle proprie procedure, rivolgendo, insieme alle pubbliche amministrazioni locali, numerosissimi quesiti al Ministero.

Allo scopo di dare un supporto alla propria clientela nel corretto adempimento delle nuove norme, Sodi Scientifica organizza dei seminari gratuiti in collaborazione con il Dott. Fabio Dimita, Dirigente Amministrativo del MIT.

Per maggiori informazioni, vedi Seminari Formativi su questo sito.

Clicca qui per scaricare copia del decreto ministeriale n. 282.